Ricerca

Utenti online

1 user(s) are online (1 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 1

more...
Publisher >
  • Recensioni > Telefonia
  • Recensione Elephone P8 mini
  • Recensione Elephone P8 mini

    Un piccolo gioiellino tecnologico

    Published by darkglobe on 13-Jan-2018 14:20 (788 reads)

    La Elephone Mobile è un'azienda high-tech cinese fondata nel 2006 e specializzata in ricerca e sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti di telefonia mobile in ambito consumer. Il tentativo di questa azienda è chiaro fin dalle origini: spingere sull'acceleratore dell'innovazione per emergere sulla concorrenza caratterizzata della marea di competitors orientali.
    L'Elephone P8 mini si caratterizza come un piccolo gioiellino tecnologico, dotato, ad un prezzo di circa 150 euro, di quasi tutto quello che serve ad una utenza media che non vada alla ricerca dell'ultimo smartphone di punta di cui magari utilizzerà solo un 50% delle fantascientifiche funzionalità a corredo.

    Si tratta di un 5" Full HD (440 ppi) con vetro da 2.5D che, per chi ancora non abituato al taglio superiore da 5.5", rappresenta forse la dimensione ideale per consentire di viverne l'uso senza doversi distruggere la vista ma senza complicazioni di puntamento con le dita dovute ad uno schermo troppo compatto. Le dimensioni totali sono di 14.5x7cm con spessore da 8.1mm mentre il peso è di soli 132 grammi.
    L'apparecchio arriva in una scatolina contenente lo smartphone con pellicola protettiva, un piccolo caricatore bianco da 5 e 1.5A; un cavetto USB-microUSB ed il perno per l'estrazione dell'alloggio SIM; infine un manualetto di istruzioni rapide.
    Il modello che ho acquistato è tutto in scocca nera, un misto di plastica (bande laterali) e metallo (cover posteriore), bella nella sua semplicità e nelle forme lievemente arrotondate, con una doppia cam posteriore (13+2Mpx) che colpisce da subito insieme al LED per il flash e con un rilevatore di impronte posizionato anch'esso sul retro dell'apparecchio. La seconda camera è il tipico add-on di alcuni nuovi smartphone per consentire di eseguire foto a profondità di campo variabile.
    Presenti ovviamente tasto volume/scatto foto e tasto di avvio sul fianco laterale destro mentre sul sinistro troviamo lo slot con estrazione a spilla per una doppia nanoSIM o una nanoSIM combinata con una microSD di espansione da ben 128GB.
    Infine in basso le classiche porte cuffia jack 3.5 e microUSB OTG oltre che la griglia per l'uscita audio vivavoce.
    Sul lato frontale, sopra lo schermo che è un IPS FullHD, troviamo una camera selfie da ben 12Mpx (interpolati a 16Mpx) accompagnata da flash, l'altoparlante di conversazione e sensore luce. Manca purtroppo, ed è probabilmente l'unica grave pecca di questo bellissimo smartphone, il sensore notifiche. Infine sotto lo schermo i tre canonici tasti home, back e menu, purtroppo non retroilluminati.
    Stiamo parlando ovviamente di uno smartphone Android di cui gira la personalizzazione ELE OS 1.0 che si basa su Nougat 7.0, il quale ultimo consente il multiwindow contemporaneo di due App, una gestione evoluta delle notifiche ed una riduzione dei consumi di batteria, permettendo di selezionare quali Applicazioni possano operare o meno in background.

    CPU E MEMORIA
    La CPU che monta questo Elephone è un MediaTek a 64 bit MT6750T, un OctaCore (con 4 core A53 da 1.5 GHz e 4 core A53 da 1.0 GHz), GPU Mali-T860 MP2 a 650Mhz con supporto Open GL ES 3.1, Open CL 1.2, RenderScript Compute e Microsoft DirectX 11.1.
    La RAM ha il valore stratosferico di 4GB, il massimo consentito per la CPU MediaTek, ed offre a questo apparecchio una eccelsa fluidità, consentendo di portare in memoria varie Applicazioni contemporaneamente senza lag o impuntamenti di sorta.
    La memoria di massa neppure scherza, essendo di ben 64GB di base con una velocità che si attesta sui 54.9 MB/sec in lettura sequenziale e 53.5 MB/sec in scrittura sequenziale, memoria espandibile, come scrivevamo, con una microSD fino a 128GB che, grazie ad Android 7, può diventare una estensione pura della memoria di base interna, consentendo dunque di installare un numero pressocché illimitato di App.

    CONNETTIVITÀ
    Supportate le reti LTE (800, 850, 1800, 2100 e 2600MHz). Disponibili anche i classici HSPA (900/2100MHz), e la obsoleta 2G (850/900/1800/1900MHz).
    La Wi-Fi è fortunatamente sia a 2.4 che a 5GHz, con la seconda si evita di dover affrontare il problema del congestionamento di segnali. il Bluetooth arriva in versione 4.0 insieme al Bluetooth LE; assente l'NFC sostituito da HotKnot.
    Presenti infine il GPS/GPSA ma anche il Glonass. Grazie anche alla presenza della bussola la qualità della navigazione è veramente buona.

    BATTERIA
    La batteria non removibile è da 2680mA, di certo non un valore invidiabile ma che dovrebbe garantire il fine serata senza patemi, pur se con un uso non smodato dell'apparecchio. In carica l'apparecchio scalda parecchio.

    SENSORI
    CPU-X segnala un botto di sensori: accelerometro, magnetometro/bussola, prossimità, giroscopio, luce oltre allo scanner di impronte.

    PRESTAZIONI
    L'indice AntuTu riporta un valore di 40359 (3D: 7164, UX:17179, CPU:12478, RAM:3538), per cui si supera la fatidica soglia dei 40k. La RAM comunque non è tra le più veloci che ho visto. La velocità di scrittura in RAM è di 1843MB/s.

    SVEGLIA A CELLULARE SPENTO
    Fortunatamente sono disponibili la sveglia a cellulare spento e la programmazione di autospegnimento e riavvio, due funzionalità della vecchia cara Nokia che considero insostituibili in uno smartphone moderno.

    VIRUS FREE
    Un giro con Dr. Web non ha rilevato alcun virus, adware e spayware “di serie" come purtroppo capita con alcuni cinefonini (alcuni Cubot e Doogee, tanto per non far nomi).

    PROVA D'USO
    Il tema Android di serie è carino, tra quelli che preferisco.
    Il display è uniforme, i colori appaiono un pelo saturi, la luminosità adeguata. Il touch risponde veramente bene, non mi pare abbia mai preso tocchi a vuoto.
    Buono il comportamento con gli applicativi social grazie alla generosissima dotazione di RAM, in particolare facebook che ultimamente con altri phone sembra rammollito; accettabile il comportamento sul gaming ma non aspettatevi miracoli se si prova a spingere su giochi troppo carichi di effetti grafici.
    La Wi-Fi ha un aggancio rapidissimo e la stabilità risulta ottima anche sui 5GHz.
    Molto bene il 4G, così come il 3.5G, nella mia canonica prova di sensibilità in zona con segnale quasi oscurato, offre buoni risultati.
    Il GPS come detto svolge egregiamente le funzioni di localizzazione e guida.

    L'audio in capsula è chiaro mentre il vivavoce francamente non mi entusiasma per nulla.
    Il sensore di impronte è preciso e tende a non far cilecca, anche se trovo scomodo il suo posizionamento posteriore, che di sicuro va a complicare le operazioni di sostituzione della batteria in assistenza.
    Quanto al comparto fotografico i video sono un po' deludenti: 27.7fps (che scendono a 18 in stabilizzazione) fullHD con audio stereo a 48KHz (la messa a fuoco durante le riprese c'è ma è solo manuale).
    Molto buone, soprattutto per i colori, sono le foto realizzate con la camera posteriore in condizione di piena luce, tenuto conto della fascia di prezzo di questo smartphone, mentre del tutto posticcio è l'effetto di profondità, che, essendo caratterizzato da una sfocatura circolare rispetto al soggetto messo a fuoco ed essendo scarsamente influenzato dalla camera da 2Mpx, sembra giocherellare più con manipolazioni software che effettivamente con la camera secondaria. Eccellenti i selfie della camera anteriore. L'HDR come ci si aspettava è un po' lentino ma fornisce ottimi risultati. La messa a fuoco sulle foto è precisa ma non una scheggia.

    CONCLUSIONI
    Mi piace parecchio questo Elephone P8 Mini: basterebbe poco per farlo schizzare al vertice tra i migliori cellulari nella fascia tra i 100 ed i 150 euro, ma in ogni caso già così credo ripaghi abbondantemente il suo costo.


    Navigate through the articles
    Previous article Recensione ThL Knight 1 Huawei P20 Pro, è vero rinascimento della fotografia? Una recensione comparativa Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.