Ricerca

Utenti online

1 user(s) are online (1 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 1

more...
Publisher >
  • Recensioni > Audio
  • Recensione Creative Sound BlasterX G1
  • Recensione Creative Sound BlasterX G1

    Dà tanto in pochissimo spazio ad un prezzo risibile

    Published by darkglobe on 01-Feb-2018 21:30 (1124 reads)

    Estremanente compatto questo Creative Sound Blaster G1, un piccolo kit di amplificazione e trasformazione di una porta USB standard Type-A in un sistema audio con uscita standard Jack 3.5 a 4 poli, per gestione di audio su cuffie ed ingresso microfonico.

    Le finalità di questo apparecchio sono molteplici:

    • sostituire la scheda audio del proprio PC quando la sua qualità è scadente;
    • poter pilotare cuffie "esoteriche" con impedenza fino ed oltre i 300 ohm, cuffie che su una normale uscita audio da PC fornirebbero un livello sonoro eccessivamente basso o comunque aumentare sensibilmente i livelli sonori sulle cuffie con bassa impedenza;
    • essere in grado di equalizzare l'audio, nel caso dei videogiochi, con personalizzazioni possibili già calibrate, tramite software della Creative, addirittura sui singoli videogiochi.


    Data la compattezza, la qualità dell'audio e la tipologia di collegamenti su USB è presumibile che al suo interno sia montato un piccolo sistema di amplificazione in classe D.

    L'installazione, che ho eseguito sia su Windows 10 x64 Pro che Wndows 7 Pro a 32bit è semplice ed immediata: basta inserire la spina USB nel connettore del PC (ho usato sia delle 3.0 che delle 2.0) e l'installazione dei driver parte in automatico. Ma per effettuare nel seguito operazioni di personalizzazione della equalizzazione va scaricato dal sito Creative l'applicativo BlasterX Acoustic Engine Pro: il sito per il download richiede una registrazione minima dei propri dati ed invia via mail una chiave di attivazione. Il software consente essenzialmente, come si diceva, una equalizzazione personalizzata, su varie tipologie di giochi, dello spettro di frequenze dell'uscita audio.

    Sulla presa Jack 3.5 va installata una cuffia con connettore Jack a 4 poli (ma quelle stereofoniche funzionano lo stesso), ovvero capace di trasportare sia il segnale audio per le cuffie sia quello di un microfono.

    PROVA SUL CAMPO
    Ho provato questo apparecchio su due diversi computer, un Desktop I7 ed un Notebook I5, entrambi dotati anche di una uscita audio autonoma con scheda integrata; come cuffie di prova una Sound BlasterX H5 ed un paio di scadenti Jabra.
    La prima cosa che si avverte nettamente è la enorme differenza del livello audio in uscita tra la G1 e la normale presa jack, in entrambe le configurazioni hardware, che nel primo caso comprendevano un Realtek ALC892 audio chip e nel secondo un Intel Cougar Point PCH.
    La seduta di ascolto è proseguita con brani musicali dei generi più vari ed è possibile dire che con l'uso del G1 sembra in tutti i casi sollevarsi un velo: i suoni sono più chiari, ricchi, rotondi, profondi sull'intera gamma udibile. Quello che a volte si avverte, come contropartita, è una lieve perdita di pulizia, in particolar modo sulle medie frequenze, ma è indubbio che questo apparecchietto dalle esigue dimensioni sembra capace di tirar fuori dalle proprie cuffie anche l'impossibile, esaltando le qualità di quelle di maggior pregio.
    Sul fronte videogiochi, le equalizzazioni paiono abbastanza azzeccate e sembrano di volta in volta esaltare i suoni più caratteristici dei videogiochi (passi, rombo del motore, colpi d'arma, urla e varie). Da sottolineare anche il supporto dei segnali audio in ingresso a 7.1 che migliorano la localizzazione delle fonti sonore in cuffia,
    In merito infine alla componente microfonica tutto mi è parso rientrare nella normalità del funzionamento che ci si aspetterebbe da un ingresso mic.

    CONCLUSIONI
    Ne vale la pena? Per 40 euro assolutamente si. Questo è un apparecchietto per certi versi prodigioso, capace di ridare nuova vita a vecchi PC con schede audio scadenti e comunque in grado di utilizzare su questa tipologia di sorgente audio anche cuffie di elevato pregio che, in caso contrario, sarebbero probabilmente inutilizzabili.


    Navigate through the articles
    Previous article Recensione cuffie over-ear Sennheiser HD 598SR Recensione Speaker Bose Revolve+ Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.