Ricerca

Utenti online

1 user(s) are online (1 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 1

more...
Publisher >
  • Recensioni > Informatica
  • Recensione Seagate Barracuda Pro 8TB 3.5"
  • Recensione Seagate Barracuda Pro 8TB 3.5"

    Published by darkglobe on 09-Apr-2018 16:10 (1253 reads)

    E' stata abbastanza meditata la selezione di questo HD, che doveva risolvermi in una maniera abbastanza definitiva il problema dell'archiviazione di una miriade di file audio e video sparpagliati su un eccesso di dischi rigidi e memorie a stato solido SSD e che dunque offrisse uno spazio di memorizzazione dei dati tra i 6 e gli 8 TB.
    A questa necessità di spazio si sommava quella di un componente hardware che offrisse tempi di acesso decorosi ovvero almeno vagamente paragonabili a quelli delle memorie SSD e che garantisse una affidabilità significativa nel tempo.
    Inutile dire che l'acquisto di memorie SSD di simile capacità era improponibile dati i costi esorbitanti rispetto a quello dei "tradizionali" dischi rigidi.

    DUE POSSIBILI OPZIONI
    Dopo varie ricerche l'occhio era caduto su un paio di Seagate, il Barracuda Pro e l'Iron Wolf Pro. Il secondo di fascia Enterprise, pur se maggiormente robusto, aveva il limite di performance non brillantissime, essendo utilizzabile essenzialmente per ambienti NAS.
    La scelta, anche per esclusione, è stata pertanto quella del Barracuda Pro.

    CARATTERISTICHE
    Si tratta di un HDD da 3.5" dal peso di circa 600g con una dimensione del case praticamente indistinguibile da quelle di un normale HDD da 2TB, con la differenza che in questo caso la capacità è mostruosa. Si stima ad esempio la possibilità di poter immagazzinare circa 7000-8000 film in formato compresso, valore che va moltiplicato per un fattore di almeno 100 nel caso di fotografie.
    La velocità di rotazione dei dischi è di 7.200 giri/min (io ho avuto anche dei 15000 SAS e la differenza si nota ma non è abissale). Si tratta di dischi con un certo virtuosismo ingegneristico dato il proliferare dei piatti magnetici disposti a piccolissima distanza l'uno dall'altro in modo da incrementare la capacità di immagazzinamento dei dati a parità di dimensioni.
    Estremanete ottimizzato risulta anche il meccanismo di caching, Multi-tier, che fa ricorso a memorie intermedie Flash NAND e DRAM per ottimizzazione del flusso dati e conseguenti prestazioni di eccellenza.
    Si tratta ovviamente di un HD S.M.A.R.T., che dunque collegato ad un PC compatibile con lo standard, consente di conoscere lo stato di degrado e capire quando è il caso che vada sostituito.
    Il consumo medio è di circa 6,8W, direi trascurabile. Il carico di lavoro annuo stimato per non portare il disco fuori dai parametri di uso medio è di 300 TB/anno.

    IMPRESSIONI SUL CAMPO
    All'atto pratico è di una silenziosità encomiabile: ogni tanto si percepisce qualche piccolo periodico movimento delle testine, con un sibilo di entità assolutamente trascurabile.
    Temevo il riscaldamento, avendo letto di temerature elevatissime in esercizio, invece debbo dire che l'HD, anche dopo ore di funzionamento a pieno regime, non supera mai i 32 gradi.
    Non arriva formattato, per cui ho provveduto ad un partizionamento in GPT e ad una successiva formattazione in NTFS. Dopo la formattazione la capacità "effettiva" risulta pari a circa 7.3 TB. dato che comunque è lo stesso di qualsiasi altro HDD da 8GB ma di cui è bene tener conto nei propri calcoli sullo spazio necessario per le proprie esigenze.

    PRESTAZIONI
    Il disco è un SATA con canale da 6 Gbit/s. I tempi di accesso sono stati valutati con il classico CristlDiskMark che ha confermato sulle letture e scritture sequenziali un dato superiore ai 230MB/s, dato praticamente paragonabile a quello di SSD di fascia media. Purtroppo le performance calano nortevolmente sul randomico, ma all'atto partico ho potuto constatare che una copia massiva di file di piccole dimensioni offre comunque prestazioni mediamente superiori agli 80MB/s. Performance di questo tipo rendono questo disco utilizzabile non solo per l'immagazzinamento puro e dunque come semplice repository di dati ma anche e soprattutto per attività di video editing o perfino per il gaming che preveda ingenti flussi di dati grafici.

    CONCLUSIONI
    Velocità di accesso paragonabili ad una SSD di fascia media ma con una capacità di immagazzinameto dati mostruosa. Adatto per chi ha necessità di molto spazio per l'archiviazione del proprio materiale video/fotografico ma anche per chi fa editing video. Recupero degli eventuali dati persi entro 2 anni, garanzia contro la rottura di 5 anni. Silenziosissimo, temperatura massima raggiunta pari a 32°.


    Navigate through the articles
    Previous article Recensione mouse Creative Siege M04
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.