Ricerca

Utenti online

1 user(s) are online (1 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 1

more...
Publisher >
  • Recensioni > Telefonia
  • Recensione OUKITEL K6000 Plus
  • Recensione OUKITEL K6000 Plus

    Il top dei battery-phone 2017

    Published by darkglobe on 22-Jun-2017 01:00 (901 reads)


    Questo OUKITEL K6000 Plus può a pieno diritto essere definito uno dei migliori se non il migliore battery phone del 2017. Ricorda molto da vicino un analogo prodotto della Doogee, il T6 Pro, ma gli ehancement sono tanti e tali che si può con assoluta certezza affermare che in questo caso siamo su una categoria di livello decisamente superiore.
    Partirei dalla OUKITEL, divisione del gruppo Shenzhen Yunji Intelligent Technology Co. Ltd fondata nel 2007 a Shenzhen e focalizzata sulla progettazione, produzione e distribuzione di device mobili. Quello che sorprende di questa casa è la capacità di realizzare, come vedremo, apparecchi dal rapporto prezzo/prestazioni quasi ineguagliabile in quanto molto spesso vengono offerti a prezzi sensibilmente contenuti smartphone che posseggono caratteristiche tecnologiche avanzate e di assoluto rilievo.
    L’ OUKITEL K6000 Plus è come dicevamo prima di tutto un cosiddetto battery-phone, in quanto porta al suo interno una batteria (non removibile) dalla capacità stratosferica da 6080mAh. Ricordo che batterie di questa capienza non si ritrovano a volte neppure nei Tablet o nei convertibili. Questa garantisce un utilizzo senza ricarica mai inferiore alle 2 giornate di uso continuativo e svariate giornate in stand-by. Il costruttore dichiara ad esempio 10 ore ininterrotte di visualizzazioni video o 46 di conversazione, il che rende l’idea di un prodotto che non potrà quasi mai lasciarvi a piedi all’improvviso come capita con tantissimi smartphone.

    IL SISTEMA ANDROID
    Come Android gira una versione recentissima, la Nougat 7.0, che è un sistema che consente il multiwindow contemporaneo di due App, una migliore gestione delle notifiche ed una riduzione dei consumi di batteria, permettendo di selezionare quali Applicazioni possano operare o meno in background.
    L’ OUKITEL ha deciso di minimizzare le personalizzazioni se non per i temi, le gesture ed il comodo menù flottante a rotellina per la configurazione rapida di alcuni parametro chiave.

    RICARICA RAPIDA, RAPIDISSIMA
    A questo valore da primato assoluto è stata aggiunta per necessità la ricarica veloce, con brevetto cinese (PumpExpress 2.0) ma molto simile al Quick Charge, pur se con performance addirittura superiori: con il caricatore in dotazione (che raggiunge ben 12V su 2A) la ricarica completa dell'apparecchio viene effettuata in meno di due ore (valore testato personalmente), un dato da primato assoluto. Del resto bastano 15 minuti di carica per recuperare almeno un’ora di conversazione.
    Inoltre, aspetto che incredibilmente neppure il costruttore sottolinea, questo apparecchio può svolgere funzioni di PowerBank, attestandogli a valle, sulla porta micro OTG, un cellulare con normale cavo USB.

    DOTAZIONE
    L’OUKITEL K6000 Plus arriva in una scatolina che presenta il prodotto ben imbottito da una plastica avvolgente e con lo schermo ricoperto da un adesivo trasparente che una volta rimosso lascia una pellicola protettiva sul display ma ne troviamo poi all’interno una di ricambio. Presenti anche il caricatore bianco da 5/7/9/12V e 2A; un cavetto USB-microUSB a ricarica rapida; un cavetto OTG USB Type-A femmina, abbastanza sottile e con una porta micro a connettore metallico particolarmente lungo; una cover trasparente generosa ma non invasiva; il perno per l'estrazione dell'alloggio microSIM ed infine un manualetto di istruzioni.

    COME SI PRESENTA
    L’OUKITEL K6000 Plus è un 5.5” e la prima cosa che si fa notare è il consistente peso di 210 grammi, meno comunque di quanto ci si sarebbe aspettati, con dimensioni di 15,5 x 7,7cm e uno spessore di circa 9mm, apprezzabile se di tiene conto che la batteria da 6080mAh ha un suo inevitabile volume.
    La retroscocca in alluminio è grigia mentre la zona che circonda il display è interamente nera e presenta in basso un ampio tasto home a pressione che rileva anche le impronte, affiancato dai due tasti di tasks e back, fortunatamente retroilluminati. Lo stesso sensore di impronte coadiuva alcune gesture tra le quali, con un semplice scorrimento dello stesso, quella di back.
    Sul lato superiore dello schermo sono presenti LED notifica, fotocamera da 8Mpx, altoparlantino per conversazione e sensore di luminosità.
    Sul bordo laterale superiore presente una porta jack 3.5 (inserite le cuffie si usufruisce anche della radio FM); su quello destro tasti volume ed avvio; in basso porta microUSB affiancata da due uscite audio.
    Le SIM/SD si inseriscono nel cassettino laterale, apribile tramite il piccolo perno, che si trova sul bordo sinistro. Questo OUKITEL è infatti uno smartphone Dual-nanoSIM, con possibilità alternativa di seconda SIM o espansione della memoria di massa interna con una microSD.
    Sul retro presente la camera da 16Mpx, con obiettivo un pelo in rilievo, e il LED di flash.

    L’AUDIO
    L’audio è gestito da un amplificatore in classe K di sesta generazione con un chip AW8736 a tecnologia no-crack-noise per la riduzione del rumore all’incremento del volume e della tecnologia K-chargepump per mantenere costante del volume in uscita se la batteria presenta cali di tensione.

    LO SCHERMO
    Lo schermo è un Asahi Glass LTPS (Low Temperature Polysilicon) capacitivo multitouch a 5 punti da 5.5” con risoluzione Full HD , ben luminoso, contrastato ed uniforme e con una buon croma, tendente un pelo al caldo, coadiuvato dalle configurazioni MiraVision con cui è possibile impostare vari parametri tra cui contrasto, nitidezza e saturazione.
    Gli schermi LTPS hanno la capacità di spingere all’estremo i valori di ppi ovvero la densità dei punti e offrono un’altissima velocità di risposta, un’alta luminosità e un tempo di vita più alto rispetto ad altre tipologie di schermi.

    CPU E MEMORIE
    La CPU che monta questo K6000 Plus è un MediaTek a 64 bit MT6750T. Si tratta di un OctaCore (con 4 core A53 da 1.5 GHz e 4 core A53 da 1.0 GHz) con supporto fino a 4 GB di RAM, e GPU Mali-T860 MP2 a 650Mhz con supporto Open GL ES 3.1, Open CL 1.2, RenderScript Compute e Microsoft DirectX 11.1.
    La RAM ha un valore esuberante di 4GB e si sentono tutti, perché la fluidità è eccellente e beneficia di questo enorme valore che può consentire di caricare in memoria decine di App contemporanee senza che il sistema mostri particolari cedimenti.
    Ma anche la memoria di massa non scherza: 64GB di base con una velocità di lettura e scrittura sequenziale che supera i 120MB/sec ed espandibile con una microSD da 256GB, valore di capacità pazzesca, che, grazie ad Android 7, può essere utilizzata come espansione pura della memoria di base interna.

    CONNETTIVITÀ
    Supportate le reti LTE (800, 900, 1800, 2100 e 2600MHz), con velocità dati fino a 150Mbps in download e 51Mbps in upload. Disponibili anche i classici HSPA (900/2100MHz), e la decrepita 2G (850/900/1800/1900MHz).
    La Wi-Fi è di b/g/n quindi 2.4 che 5GHz, al passo con i tempi. il Bluetooth arriva in versione 4.0 insieme al Bluetooth LE, mentre è assente l’NFC sostituito dal classsico HotKnot.
    Presenti infine il GPS/GPS-A.

    CAMERA
    Quella anteriore non è supportata da flash e sono disponibili per il selfie funzioni di abbellimento del volto, perfino con il mio riescono a far miracoli.
    La camera posteriore, con una apertura f2.0, affiancata da un flash dual LED, è dotata di tecnologia PDAF che consente una messa a fuoco fulminea.

    SENSORI
    Presenti, oltre al sensore luminoso, quelli di gravità e di prossimità oltre allo scanner di impronte Fingerprint.

    PRESTAZIONI
    L’indice AntuTu riporta un valore di 44064 (3D; 7465, UX:18164, CPU:14111, RAM:4324). SD Bench fornisce come velocità di accesso sequenziale alla memoria di massa i valori 120.1MB/s in lettura e 132.8MB/s in scrittura.

    PROVA D’USO
    Sul display già detto tutto: colpisce in particolare la luminosità ed il contrasto oltre che il livello di definizione. Bello, uniforme, buono l’angolo di visione.
    Il tema Android di base è abbastanza tristanzuolo per cui consiglio di aggiornarlo ove possibile con qualcosa di più gradevole ed allegro.
    Il sistema sembra volare nell’uso dei classici applicativi social, complice la RAM, nonostante il processore non sia di fascia altissima. Ho letteralmente imbottito il cellulare di applicazioni ma stalli particolari non ne ho visti e trovo l’apparecchio particolarmente fluido e privo di lag significativi.
    Il sensore di impronte è accurato ed efficace.
    La Wi-Fi ha una stabilità eccellente e risulta particolarmente performante. Eccellente il 4G, ma anche il 3G che su alcuni apparecchi mi dà a volte strane strozzature qui si comporta sempre decorosamente.
    Il GPS mi è parso molto preciso: facendo una camminata ho visto che l’errore di localizzazione non supera il metro e mezzo.
    L’audio in capsula è chiarissimo, ed anche il vivavoce si comporta bene ma è un po’ scarso come volume, gamma dinamica e frequenze riprodotte. La situazione ovviamente si ribalta in cuffia, in cui si nota una buona cura dell’audio con una lieve predilizione per le basse ferquenze.
    La porta microUSB è durissima, ma questo garantisce un aggancio senza alcuna incertezza. Purtroppo montando una USB da 256GB formattata in exFAT, che non sempre viene digerita dai normali tablet, il sistema dice che è con formattazione irrconoscibile.
    Interessante il comparto fotografico. Il tasto esterno di click è sostituito da quello del volume. Si sente la mancanza di un piccolo flash sulla camera anteriore. I video si spingono fino a 30fps fullHD con audio stereo a 48KHz e consentono la messa a fuoco dinamica durante le riprese. Il fuoco è veramente molto veloce e non mostra incertezze, ritentativi o altri odiosi inceppamenti propri dei phone di fascia bassa, mentre le immagini appaiono buone per definizione ma un po’ sovraesposte. Esiste oltertutto una modalità advance con regolazione manuale di ISO, temperatura di colore e sensibilità ma a fuoco fisso. Siamo ovviamente abbastanza lontani dalla qualità ineguagliabile audio e video dei vecchi Nokia Lumia bruciati dalla folle politica Microsoft e sui quali ancora oggi arrancano perfino i top Android di ultima generazione, ma comunque foto e filmati sono buoni pur non rappresentando il meglio che offra questo apparecchio.
    La ricarica di un altro smartphone avviene solo se il cellulare è acceso.
    Manca purtroppo la sveglia a cellulare spento, una delle cose che sinceramente mi irrita parecchio quando non trovo resa disponibile..

    RICAPITOLANDO
    Questo è uno smartphone che definirei esagerato per batteria, tempi di ricarica, memoria RAM, memoria interna ed espandibile e velocità del fuoco della camera. Costa talmente poco che sono contento di tenermelo per farci girare sopra la miriade di App con cui vengono forniti ormai tutti i prodotti tecnologici.


    Navigate through the articles
    Previous article Recensione Cubot Dinosaur Recensione ThL Knight 1 Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.