Ricerca

Utenti online

2 user(s) are online (2 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 2

more...
Publisher >
  • Recensioni > Telefonia
  • Recensione Cubot Dinosaur
  • Recensione Cubot Dinosaur

    Smartphone dal rapporto prezzo/prestazioni eccellente

    Published by darkglobe on 30-Jun-2016 01:00 (4133 reads)

    Nella fascia di prezzo tra i 100 ed i 140 euro la CUBOT, casa emergente di cellulari made in China, propone un interessantissimo modello dal nome un po' buffo, il Dinosaur.

    Si tratta di uno smartphone LTE di generose dimensioni, dotato di un ampio schermo IPS da 5.5'' su cui gira la versione più recente di Android, ovvero la Marshmallow, quella per intenderci che ha tra i suoi pregi la possibilità di usare una microSD esterna come "estensione" della memoria interna, potendovi dunque installare sopra qualsiasi applicativo.

    COSA ARRIVA
    Lo smartphone arriva una custodia bianca di cartone molto ben curata, che presenta il logo della CUBOT e lo slogan laterale piuttosto emblematico "stop following, take the lead". Dall'interno lo smartphone appare sigillato in una plastica gommata che avvolge la custodia protettiva trasparente fornita in omaggio, irrobustita agli spigoli per evitare danneggiamenti estetici in caso di caduta.
    Ancora internamente troviamo un caricatore bianco da 5V/1A ed un cavetto USB-microUSB per la ricarica ed il trasferimento dati.
    Infine un certificato di conformità ed un libretto di istruzioni in inglese che si riferisce essenzialmente alla gestione operativa del cellulare ma poco riporta delle caratteristiche tecniche.

    COME SI PRESENTA
    Il cellulare presenta, come scrivevamo, uno schermo IPS multi-touch (a 5 punti) con risoluzione HD da 1280*720 pixels e 267 dpi, non elevatissima ma comunque ampiamente accettabile per un prodotto di questa fascia di prezzo.
    Sopra lo schermo troviamo il sensore per la luminosità ambientale, l'altoparlante per le conversazioni, il LED di notifiche e la fotocamera anteriore.
    In basso la classica tripletta di tasti (non retroilluminati) di ritorno, home page/tasks e opzioni.
    Lateralmente sul lato destro i tasti volume e spegnimento e su quello superiore una porta microUSB ed un ingresso audio.
    Infine sul lato posteriore la camera principale da 13 Mpx con relativo flash ed in basso l'altoparlante per il vivavoce.

    E DENTRO?
    La prima nota positiva sta nel fatto che questo cellulare ha la cover smontabile, la cui superficie dorata è sagomata con una serie di piccoli rombi segnati da due fasci paralleli di incanalature diagonali e seghettate.
    La cover posteriore si sgancia partendo da uno degli angoli e sollevata la prima cosa che colpisce è la generosissima batteria removibile dalla bellezza di 4150mAh, capace di durare - sto provando il cellulare da giorni - pienamente ed oltre una intera giornata lavorativa anche con un uso intensivo.
    In alto si nota un attacco per microSD (da massimo 32GB) e ben due ingressi Micro SIM (la doppia SIM è una opzione alternativa all'uso di una SD esterna).
    Faccio notare che ho montato come memoria SD una SanDisk Extreme Pro e dai test effettuati è emerso che questo smartphone utilizza un canale ad altissima velocità, tant'è che i test in lettura danno 141 MB/s e quelli in scrittura circa 80MB/sec, che sono i valori limite teorici della schedina.
    La CPU che monta questo smartphone è una ARM Cortex A53 64 bit Quad Core da 1.30 GHz con pipeline ad 8 stadi. Si tratta del successore del glorioso A9, con un miglioramento essenzialmente legato alla riduzione dei consumi. Anticipo dicendo che nell'uso la qualità di questo processore si nota tutta, avendo mostrato delle performance di valore assoluto: piena fluidità e mai un seppur minimo cenno di lag. Accompagna il processore una GPU Mali T-720 che supporta tra l'altro OpenGL ES 3.0 /2.0 / 1.1, Direct3D 11.1, OpenCL 1.1 e varie funzionalità di Rendering. Questa categoria di processori la ritroviamo ad esempio nel Galaxy S6 e nel Sony Xperia E4g.
    Come dotazione di RAM abbiamo addirittura 3GB mentre la memoria di massa interna è di 11GB
    Tra i sensori, oltre a quello luminoso, presente anche il classico accelerometro e quello di prossimità mentre manca il giroscopio.
    Il peso complessivo è di 168 gr.
    Supportati il recentissimo Bluetooth 4.0 ed ovviamente la Wi-Fi (solo 2.5 GHz) ed il GPS. Manca NFC.
    Per il 4G le bande previste sono 1/3/7/20. Osservando il menu di configurazione sembra sia presente anche la possibilità del VoLTE, il nuovo standard che dovrebbe rivoluzionare i servizi di fonia (in termini essenzialmente di qualità audio) e quelli a valore aggiunto di tipo RCS.

    PROVA SU STRADA
    Quello che come scrivevamo colpisce fin dall'inizio di questo smartphone è la velocità: sia nell'uso di applicazioni che nella navigazione sembra che il cellulare voli. Il confronto anche con cellulari dal costo doppio lascia a bocca aperta ed a questo brillante risultato contribuiscono sia il processore che l'ampia dotazione di memoria RAM. Non uno stallo, non un tentennamento, che del resto rappresentano il tallone d'Achille di questa tipologia di sistemi. Anche con dei videogiochi a grafica moderatamente complessa la fluidità pare pienamente rispondente a ciò che ci si aspetta da un cellulare moderno.
    La risoluzione grafica dello schermo e l'uniformità non sono viceversa il massimo, pur se decorose, ma ricordo che stiamo parlando di un prodotto che naviga su poco più di 100 euro. Lo schermo appare in particolare abbastanza uniforme tranne che sull'estremità inferiore, dove in si nota una lieve variazione di intensità luminosa. In generale comunque risulta molto luminoso e ben leggibile anche in condizioni di forte illuminazione esterna.
    L'installazione di nuove App dal Play Store è molto rapida ma qualche volta è stato necessario un reboot perchè le nuove applicazioni partissero, colpa probabilmente del Marshmallow.
    La ricezione del segnale sia 3G che 4G è semplicemente ottima, anche in situazioni in cui il campo non è dei migliori.
    La connettività Wi-Fi molto stabile, ottimi risultati hanno dato ad esempio le riproduzioni di video in streaming su RAI e Youtube, peccato solo manchino i 5GHz.
    L'audio in ricezione è assolutamente buono ed il volume adeguato, anche in situazioni caotiche. Anche l'altoparlante esterno offre un ottimo audio ed un volume decisamente elevato.
    Le prove in Bluetooth con vari diffusori non ha manifestato alcun problema di pairing, facendo prove dal Bluetooth 2 fino allal 4.0
    Quello che francamente lascia piuttosto a desiderare è il comparto fotografico. Il confronto con il mio vecchio Lumia 1020 è ovviamente impietoso. La messa a fuoco c'è, ma la latitudine di posa è bassa per cui l'esposizione va facilmente in crisi ed in condizioni di scarsa luminosità possono succedere strani effetti di scomposizione delle parti. Ma se non fosse stato così probabilmente staremmo già gridando al miracolo.

    RICAPITOLANDO
    I punti a favore di questo smartphone sono la velocità, l'abbondante dotazione di 3GB di RAM, la presenza del 4G e la predisposizione al VoLTE, la dual SIM, l'autonomia garantita da una batteria che supera i 4000mAh, la possibilità di una microSD con Marshmallow ed il Bluetooth in versione 4.0.
    Lascia piuttosto a desiderare il comparto fotografico e lo schermo non ha una risoluzione da smartphone Top di categoria. I 140 euro, con questa dotazione, restano a mio avviso un prezzo ad oggi assolutamente imbattibile.


    Navigate through the articles
    Recensione OUKITEL K6000 Plus Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.