Ricerca

Utenti online

2 user(s) are online (2 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 2

more...
Publisher >
  • Recensioni > Telefonia
  • Recensione ThL Knight 1
  • Recensione ThL Knight 1

    Ampio schermo, sottile e con linee non spigolose

    Published by darkglobe on 05-Jul-2017 01:00 (1372 reads)

    La ThL (Technology, Happy, Life) è un brand cinese di device fondato dalla Shenzhen Hongjiayuan Communication Technology Co., Ltd., una società high-tech specializzata ricerca e sviluppo di smartphone e nella idea della vendita diretta tramite portali.

    Il Knight 1, che ho finalmente in questi giorni tra le mani, è uno smartphone che mi ha attratto fin da quano l’ho visto in foto, per la sua linea slim, il suo ampio schermo e le sue linee non spigolose.

    Il colore nero gli conferisce oltretutto una sensazione di essenzialità pur essendo nei fatti presente (quasi) tutto quello che serve ad uno smartphone degno di questo nome: tasto volume, tasto di avvio, sul fianco laterale destro, uscita cuffia jack 3.5 sul superiore, doppia griglia audio ed ingresso microUSB OTG su quello inferiore. Infine sul bordo sinistro slot con estrazione di alloggiamento per dual SIM, di cui una micro ed una nano, o SIM con microSD.
    Lo schermo è un piacevole 2.5D da 5.5” multitouch capacitivo a 5 punti. Si tratta di un IPS Full HD (401ppi) che presenta una uniformità di immagine veramente sorprendente, forse la migliore in assoluto mai vista su un cinefonino di fascia mid-low. Sotto lo schermo un sensore di tocco con pressione per la funzione Home e i due tasti Multitask e Back retroilluminati. Sulla parte superiore dello schermo sensore luce, camera da 8Mpx ed uscita audio per le conversazioni (manca purtroppo il LED notifiche, un gran peccato).

    La scocca posteriore è metallica e presenta due bande simmetriche in plastica sui bordi superiore ed inferiore mentre nella parte centrale spicca una doppia fotocamera in disposizione parallela, di cui la principale da 13Mpx (interpolabili a 16) con apertura 2.2 e la secondaria da 2Mpx, che rappresenta il classico add-on di alcuni nuovi smartphone per consentire di eseguire foito con profondità di campo variabile.

    IL SISTEMA ANDROID
    Come Android gira la Nougat 7.0, che consente il multiwindow contemporaneo di due App, una migliore gestione delle notifiche ed una riduzione dei consumi di batteria, permettendo di selezionare quali Applicazioni possano operare o meno in background.

    DOTAZIONE
    Il Knight 1 arriva in una scatolina contentente lo smartphone con relativa cover in TPU, un piccolo  caricatore bianco da 5 e 2A; un cavetto USB-microUSB bello spesso ed il perno per l'estrazione dell'alloggio SIM; infine un manualetto di istruzioni rapide.

    CPU E MEMORIA
    La CPU che monta questo Knight 1 è un MediaTek a 64 bit MT6750T, un OctaCore (con 4 core A53 da 1.5 GHz e 4 core A53 da 1.0 GHz) con supporto fino a 4 GB di RAM,  GPU Mali-T860 MP2 a 650Mhz con supporto Open GL ES 3.1, Open CL 1.2, RenderScript Compute e Microsoft DirectX 11.1.
    La RAM ha un bel valore corposo di 3GB che offre a questo apparecchio una inaespettata fluidità consentendo oltretutto di caricare in memoria varie App contemporanee senza che il sistema mostri particolari rallentamenti.
    Ma anche la memoria di massa non scherza essendo di ben 32GB eMMC di base con una velocità che supera i 145MB/sec in lettura sequenziale e gli 80 MB/sec in scrittura sequenziale, memoria espandibile con una microSD fino a 128GB che, grazie ad Android 7, può essere utilizzata come espansione pura della memoria di base interna.

    BATTERIA
    La batteria non removibile è da 3100mAh a ricarica Pump Express ma il caricatore in dotazione è un semplice 2A. In carica l’apparecchio scalda non poco.

    CONNETTIVITÀ
    Supportate le reti LTE (800, 900, 2100 e 2600MHz). Disponibili anche i classici HSPA (850/2100MHz), e la vecchia 2G (850/900/1800/1900MHz).
    La Wi-Fi è sia a 2.4 che a 5GHz, veramente completa. il Bluetooth arriva in versione 4.0 insieme al Bluetooth LE, mentre è assente l’NFC sostituito da HotKnot.
    Presenti infine il GPS/GPS-A.

    SENSORI
    Quello che mi ha sopreso, avviando CPU-X, è la gran quantità di sensori: accelerometro, magnetometro, orientamento, giroscopio, luce, prossimità oltre allo scanner di impronte Touch ID 2.1.

    PRESTAZIONI
    L’indice AntuTu riporta un valore di 41543 (3D; 7357, UX:16153, CPU:13567, RAM:4466), per cui si supera la fatidica soglia dei 40k che in qualche modo porta questo apparecchio in una fascia media nonostante il prezzo molto basso.

    SVEGLIA A CELLULARE SPENTO
    Fantastica la presenza della sveglia a cellulare spento e la programmazione di autospegnimentoe  riavvio, funziona tutto a dovere.

    VIRUS FREE
    Un giro con Dr. Web ha rilevato un numero di virus, adware e spayware pari a 0: dopo tanti smartphone cinesi con spyware allegato ecco finalmente un prodotto che non vi darà noie.

    PROVA D’USO
    Appena connesso alla Wi-Fi ho verificato l’esistenza di aggiornamenti che sono stati subito installati con un corposo download durato non meno di 10 minuti.
    Il tema Android di serie è basico per cui consiglio di aggiornarlo ove possibile con qualcosa di più accattivante

    Sul display già detto: l'uniformità è senza dubbio i punti di forza di questo schermo la cui luminosità è ottima, i colori tendono un po' all'azzurrino.
    Il sistema sembra non aver alcun tentennamento con gli applicativi social, grazie alla buona dotazione di RAM che è ormai la prima cosa da guardare quando si acquista uno smartphone di ultima generazione: nessun lag di rilievo e piena rispondenza ai comandi anche riempiendolo di applicativi e mandandoli in esecuzione.
    La Wi-Fi ha una stabilità ottima anche sui 5GHz. Benissimo il 4G ed il 3.5G, senza problemi di segnale anche in zone dove solitamente alcuni apprecchi zoppicano.
    Il GPS fa il suo onesto dovere, l’aggancio è rapido.
    L’audio in capsula è ottimo ed il vivavoce pare equilibrato pur se non eccelso.
    Il sensore di impronte è concreto e sbaglia poco.

    Quanto al comparto fotografico va in primo luogo segnalato che il tasto fisico di scatto è quello del volume.  I video sono a 30fps fullHD con audio stereo a 48KHz ma non consentono la messa a fuoco dinamica durante le riprese, aspetto che mi ha un po’ deluso tenuto anche conto che la qualità dei video non è delle migliori.
    Eccellenti invece, tenuto conto della fascia di prezzo, le foto realizzate con la camera posteriore mentre l'effetto di profondità generato dalla presunta seconda fotocamera in realtà pare solo software, essendo di tipo circolare. La messa a fuoco non è forse un fulmine ma fortunatamente le immagini appaiono buone sia per definizione che esposizione.
    Stabilizzazione digitale e low light enahancement fanno il loro dovere, per cui anche sugli scuri questo apparecchio si comporta in maniera decorosa.
    Il software per scattare foto è un po’ strano perchè la profondità di campo diminuisce quando l’apertura del diaframma viene ridotta al minimo, mentre dovrebbe essere esattamente l’opposto. Inoltre va sottolineato che lo zoom dura solo pochi istanti, per cui costringe a scattare al volo.
    E' fondamentale che la ThL effettui un aggiornamento di detto software o in alternativa sarà bene scaricarne uno equivalente dal Play Store.

    CONCLUSIONI
    Difficile condensare in 170 grammi un 5.5 pollici Full HD con 3GB di RAM ad un prezzo simile. Secondo me è un affare che ha fatto oltretutto la gioia della persona a cui è stato destinato.


    Navigate through the articles
    Previous article Recensione OUKITEL K6000 Plus Recensione Elephone P8 mini Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.