Ricerca

Utenti online

4 user(s) are online (4 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 4

more...
Publisher >
  • Recensioni > Domotica
  • Recensione Roomba 960
  • Recensione Roomba 960

    Roomba, che sorpesa

    Published by darkglobe on 13-Aug-2016 23:00 (792 reads)

    Sono mesi che, quando mi trovo a passare per gli store di elettronica, visito il reparto degli aspiratori automatici da pavimento, ma non ho mai avuto il coraggio di prenderne uno basico per evitare delusioni o di scommettere sulla resa di un apparecchio da svariate centinaia di euro, nonostante i racconti mitologici degli amici. Alla fine ho avuto la possibilità di testare un modello di fascia top della iRobot, la casa che ha inventato questa tipologia di aspirapolvere e che oggi, nonostante la concorrenza incalzi, detiene il primato assoluto nel settore.

    Il modello in esame è il Roomba 960, una recentissima serie che aggiunge funzionalità di controllo totale dell'apparecchio (essenzialmente programmazione settimanale, lingua, avvio da fuori casa e decodifica errori) tramite un'Applicazione dedicata per iOS ed Android (come sempre mancano gli utenti Windows Phone).
    Aprendo la confezione ed estraendo l'oggetto subito si viene sorpresi dalle sospensioni delle due ruote motrici inferiori, quasi come si trattasse di un aereo in atterraggio.
    Nella confezione sono presenti anche una Home Base per ricaricare l'apparecchio, con il cavo di alimentazione ed un generatore di barriere virtuali. Poi due ricambi: un filtro HEPA ed una scopetta rotante (avrei gradito anche una spazzola per la manutenzione ma non è una mancanza grave). Forniti infine due manuali (guida rapida e dettagliata, con la prima che riporta un errore clamoroso nella traduzione in italiano, sostenendo che per avviare l'apparecchio bisogna 'toglierlo' dalla Home Base mentre va fatto l'esatto opposto).

    SEMPLICITA' OLTRE L'IMPENSABILE
    Va per prima cosa trovato un posto della casa dove collocare la Home Base che l'iRobot raggiungerà al termine della pulizia per ricaricare la propria batteria interna (uscito dalla scatola e rimossi i sigilli il Roomba ha già una ricarica che gli consente di partire subito con le pulizie di casa) o quando si accorge che sta terminando la riserva di energia e necessita di una ricarica. Poi gli si poggia l'apparecchio sopra, dal lato del pulsante di avvio.
    L'apparecchio, quando gestito in manuale, è di una semplicità disarmante: basta premere due volte il pulsante di avvio ed l'iRobot parte per le pulizie. Gli altri due tasti superiori comandano rispettivamente il ritorno alla Home Base e la pulizia spot (si posiziona l'apparecchio in un punto della casa particolarmente sporco e gli si chiede di pulire a fondo).
    Presenti inoltre gli indicatori di connessione Wi-Fi attiva (vedremo dopo come), errore (decodificabile con l'App o ascoltando i messaggi vocali), Stato carica, contenitore sporcizia pieno.
    Sotto la base vi sono vari sensori, disposti in circolo, due rulli paralleli che accumulano polvere, le due ruote motrici di cui sopra, una rotellina anteriore ed uno spazzolino rotante a tre raggi ed il cassettino che accumula lo sporco, al cui interno c'è un filtro antiparticolato.

    COME SI COMPORTA
    Il Roomba 960 fin dall'avvio parla e lo fa nella lingua definibile dall'utente, quindi anche in italiano, dicendo di cosa ha bisogno in caso di intoppi.
    Inizialmente l'iRobot, appena partito, "prende le misure" dell'abitazione in cui si trova, nel senso che dà colpetti sulle varie parti rigide della casa per fare i suoi calcoli e capire come muoversi con maggior velocità le volte successive, motivo per il quale è bene tenere la Home base sempre nello stesso punto della casa, in modo da non azzerare la sua ricostruzione logica che l'apparecchio ha memorizzato.
    Temevo che i colpi rompessero qualcosa, invece ho verificato che non si tratta di nulla di aggressivo, dunque i mobili e gli altri oggetti sono al sicuro.
    I movimenti sembrano strani, probabilmente guidati da logica fuzzy, ma osservandone il funzionamento sono chiare alcune cose:;

    1. Di frequente quando assesta un colpo su un ostacolo non previsto il Roomba 960 si ferma come se fosse stordito ma in realtà sembra ragionarci sopra ed elaborare una strategia basata sulla costruzione dei percorsi.
    2. I percorsi sembrano a volte assolutamente schizofrenici ma hanno una loro logica ed a volte servono a riposizionare correttamente l'apparecchio. Più passa il tempo e più l'apparecchio evita colpetti 'perlustrativi', che comunque, come si scriveva, non sono mai violenti. Ho osservato a lungo il lavoro di pulizia e vi sono due criteri fondamentali che guidano: ricoprire col percorso accuratamente su tutte le superfici piane e ritornare su quelle particolarmente sporche; non è escluso che ci si ritorni sopra anche 3 volte, se è stata impostata in modalità di scelta automatica del numero di cicli di pulizia.
    3. Quando il Roomba 960 incontra sedie, piantane ed altri ostacoli verticali vi ci ruota e gli si struscia intorno in vari modi per evitare di lasciare dello sporco.
    4. Gli ostacoli in rilievo vengono scavalcati con una certa energia: a volte l'apparecchio su ferma sopra per capire se di tratti di cavi ed interrompere eventualmente la sua pulizia chiedendo aiuto o proseguire.
    5. Se trova oggetti di una certa entità sul genere pantofole, scarpe e oggetti non pesanti tende a trasportarli/spostarli verso una delle pareti.
    6. La telecamera posta sul lato superiore svolge funzioni di rilevamento di ostacoli di una certa entità e di mappatura dei percorsi.
    7. La spazzolina inferiore laterale ha una funzione fondamentale, raccogliendo/spostando lo sporco che viene poi risucchiato dalla parte aspirante
    8. L'apparecchio si infila che è un piacere sotto letti, divani e mobilia con una altezza maggiore di 10 cm, effettuando in quei casi svariati giri di perlustrazione.

    Il rumore è assolutamente sostenibile, sicuramente meno elevato di un normale aspirapolvere ed anche leggermente più chiuso. La potenza di aspirazione è molto elevata, il 960 ha raccolto da terra perfino una moneta da 20 centesimi che, caduta di tasca, si era infilata chissà dove.
    I fili della corrente sono indubbiamente la parte più critica: sono stati superati senza problemi ma il rischio, più che per il Roomba, è far danni agli stessi o trascinarsi l'apparecchio a cui sono collegati.
    Si può anche allontanarlo dalla base e chiuderlo in una stanza, dare l'avvio e lasciar fare: al termine del lavoro di pulizia il 960 si spegnerà da solo e potrà essere riposto manualmente sulla Home Base.
    Aspetto importante riguarda il posizionamento della Home Base che deve avere uno spazio libero di 50 cm sui lati e circa 1 metro anteriormente.

    RISULTATI?
    Ogni volta che estraggo lo scatolino dello sporco mi viene un colpo: sarà la mia difficoltà di accedere alle parti inferiori dei letti ma la quantità di sporco raccolta è veramente tanta, al limite da sorprendermi e farmi preoccupare, segno che l'apparecchio lavora, e lavora veramente bene. Il lavoro di pulizia pare dunque eccellente, i pavimenti sembrano a volte quasi lavati e l'effetto dul lungo periodo e addirittura quello di trovare meno polvere sui mobili.

    RISULTATI SORPRENDENTI SOLO CON UNA PULIZIA COSTANTE DELL'APPARECCHIO
    Come mi suggerivano molti miei amici e come ho potuto verificare la pulizia dell'apparecchio è fondamentale. Dopo ogni ciclo di pulizia il cassettino va liberato e pulito, io uso per questo un panno in microfibra. Il filtro interno va pulito sbattendolo nel cestino dei rifiuti. Tutte le parti rotanti (spazzole tubolari, spazzolino a tre raggi e ruotino anteriore) tendono a raccogliere capelli o filamenti per cui vanno controllati attentamente alle estremità per evitare che l'accumulo di questi materiali ne blocchi la rotazione. Infine i sensori dello sporco e quelli di contenitore pieno sono assolutamente da tener puliti. Con queste banali precauzioni, un po' noiose devo dire, ma incommensurabilmente meno faticose della pulizia di casa, i risultati sono assolutamente garantiti.
    Ovviamente alcuni di questi oggetti vanno sostituiti nel tempo, in primo luogo filtro e spazzolina rotante e certamente la batteria interna, ma i prezzi paiono accessibili.

    LA APPLICAZIONE iROBOT
    Come dicevano questo apparecchio arriva con un'Applicazione per configurarlo e guidarlo tramite smartphone. Serve ovviamente in casa in Modem/Router con Wi-Fi.
    L'applicazione su scarica dai canonici store iOS ed Android. Si avvia poi la Wi-Fi del Roomba mantenendo premuti i due tasti Home e Pulizia Spot. A quel punto l'Applicazione, una volta richiesta e memorizzata la password della Wi-Fi, inizierà a rilevare l'apparecchio e comunicare con lo stesso, anche da remoto, consentendo di impostare nome, lingua, rilevare i codici di errore e tradurli in linguaggio umanamente comprensibile, effettuare una programmazione settimanale della pulizia, comandare l'avvio della pulizia.
    Vi sono anche indicazioni di reportistica sul numero di metri quadrati ricoperti ad ogni ciclo di pulizia, valori ovviamente più elevati della metratura casalinga se l'apparecchio ritorna più volte sugli stessi punti.

    CONCLUSIONI
    Questi apparecchi costano un botto, come tutti quelli della iRobot. Se però la qualità della pulizia, con una buona manutenzione, resta quella che ho verificato nei primi giorni di prova, direi che si tratta di tutti soldi ben spesi.


    Navigate through the articles
    Sistema di Irrigazione Automatica per Le Piante Ultranatura Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.