Ricerca

Utenti online

1 user(s) are online (1 user(s) are browsing Publisher)

Members: 0
Guests: 1

more...
Publisher >
  • Recensioni > Sport
  • Recensione Suunto Spartan Sport Ultra
  • Recensione Suunto Spartan Sport Ultra

    Molto preciso e performante con un software che la Suunto aggiorna di continuo

    Published by darkglobe on 01-May-2017 22:40 (678 reads)

    Mi è costato una certa fatica il primo approccio con questo Suunto Spartan Sport Ultra, un apparecchio complesso ed inizialmente un po' ostico, che fa da Activity Tracker impermeabile e dotato di connessione satellitare GPS/Glonass ed accelerometro, che offre il calcolo dei passi giornalieri e delle calorie bruciate ed il supporto multisport (una infinità) ai piani di allenamento, comprendenti il tracciamento dei percorsi e la definizione di obiettivi quotidiani per gli stessi oltre che il quadro finale di sintesi. Questo Sport Ultra fornisce in più una bussola con compensazione dell'inclinazione, un cronometro, un sensore di altitudine GPS+barometrico (FusedAlti) ed ovviamente un orologio analogico o digitale proiettati su un ampio display configurabile per tipologia e colori.
    Non manca la possibilità di connessione wireless ad un POD, ad una App sul proprio smartphone per configurazioni evolute e notifiche e ad un Cloud dedicato (Movescount), sul quale verranno progressivamente scaricati, tramite un Applicativo per PC, gli allenamenti svolti o dal quale potranno essere caricati itinerari obiettivo.
    Questo se descritto in estrema sintesi.

    Si tratta di un apparecchio con struttura integralmente plastificata, il che all'apparenza lo rende non estremamente professionale ma con un richiamo evidente alla platea di utilizzatori sportivi, anche se in qualche maniera questo tipo di struttura consente una impermeabilizzazione che dovrebbe garantire la resistenza fino a 100 metri sott'acqua.
    Cinturino in gomma, abbastanza spessa, anche se avrei preferito qualcosa che offrisse prospettive di più lunga durata. Display a colori, con retroilluminazione automatica o manuale (possibile lo standby), forse un pelo poco luminoso, e superficie a cristallo zaffiro di tipo touch dal diametro assai esteso. La navigazione sullo schermo è sia con il touch (ma presenta a volte dei fastidiosi piccoli lag) sia effettuabile con i 3 pulsanti laterali. I menu principali, partendo dall'orologio, si scorrono in alto o in basso e poi con il tap si entra nei singoli menu selezionando le diverse voci.
    A corredo una fascia Cardio perché purtroppo, nonostante il prezzo fantascientifico, è stata rimossa la possibilità di monitoraggio della frequenza cardiaca ottica al polso, che consentiva in altri modelli un monitoraggio costante evitando di tenere addosso una fascia fastidiosa che è anche un trasmettitore, oltretutto in prossimità del cuore.

    Il monitoraggio dell'attività giornaliera si occupa del conteggio dei passi e la stima delle calorie bruciate fino a quel momento (è ovviamente possibile definire dei target giornalieri, per cui un cerchio colorato farà comprendere quanto si sia distanti dal raggiungimento dello stesso). Sotto il valore delle calorie consumate compare il totale, che comprende sia le calorie legate all'attività fisica che quelle del metabolismo basale. Scorrendo il menu si arriva ad un utile riepilogo settimanale.

    Il classico programma di allenamento (di cui si può impostare pausa automatica o manuale) è fatto di ripetute, di cui si definiscono numero, durata in distanza o secondi e recupero. Si possono scegliere molti programmi di sport, almeno 80, ma al momento non si possono modificare, aspetto che, per un apparecchio di questo costo pare un limite notevole.
    Per il calcolo delle velocità si fa uso del FusedSpeed, un algoritmo che combina segnale GPS ed accelerometro per fornire un valore di massima precisione, che come noto con il semplice GPS risulterebbe assolutamente inadeguato sia in termini di valori assoluti che di compensazione delle variazioni repentine di passo. Inoltre anche in assenza di GPS, come ho potuto verificare passando sotto gallerie, il dato viene interpolato e non si perde continuità nel rilevamento.
    Il rilevamento del GPS è su 3 possibili intervalli: io ho usato sempre la modalità "best" che ovviamente accresce i consumi ma fornisce i risultati più attendibili. Da sottolineare che la combinazione di GPS e Glonass offre una precisione di tracciamento delle posizioni a mio avviso inarrivabile rispetto a prodotti analoghi, ma ovviamente tutto questo ha una ricaduta sui consumi.
    E' possibile mettere in lock l'orologio durante gli allenamenti ma le schermate durante gli stessi, almeno con l'attuale versione del software, non scorrono in automatico.
    Dopo ogni allenamento è possibile inserire un valore di autovalutazione della prova: il tutto viene poi memorizzato e sarà visualizzabile nel registro e, in via dettagliata, in nuvola, dopo che, collegato l'apparecchio al PC, sarà stato effettuato, usando Suntolink, il trasferimento dei dati sulla stessa.
    Il cavo di collegamento alla porta USB del proprio PC non è il classico microUSB ma ha una terminazione dedicata, con aggancio magnetico al posteriore dell'orologio.
    Non manca infine il tempo di recupero tra gli allenamenti, calcolato in ore in base a durata ed intensità delle varie sedute di allenamento.

    Comoda la bussola, che la prima volta che viene usata va calibrata, con una evidente freccia che punta al Nord magnetico ed una direzione chiaramente espressa in gradi. A seconda che si usino carte geografiche o di orientering, è possibile calibrare la declinazione tra nord magnetico e geografico.

    L'altitudine è precisa e viene calcolata con una opportuna combinazione della pressione barometrica e della posizione GPS. Vi sono dei grafici visualizzabili che forniscono l'andamento giornaliero di questa altitudine e della relativa pressione.
    Molto utile è la possibilità di memorizzare, grazie al GPS, i cosiddetti Punti geografici Di Interesse, con classificazione della tipologia degli stessi e quindi di poter nel seguito navigare verso un PDI, guidati dalla bussola e da una mappa. Da sottolineare che esiste anche la possibilità di utilizzare questo apparecchio come navigatore di itinerari programmati tramite Movescount e trasferiti al Suunto quando si effettua la sincronizzazione via PC.
    Utilissimo poter navigare un itinerario o puntare ad un PDI mentre si registra un allenamento.

    Se l'apparecchio è stato accoppiato alla App Movescount, è possibile ricevere sul telefono le notifiche relative alle telefonate in arrivo ed SMS e sulle notifiche compare un pop-up nel quadrante dell'orologio. Per bloccare ogni connessione wireless basta configurare l'apparecchio in modalità aereo.

    La batteria promette una durata massima di 15 ore. Obiettivamente il consumo non pare eccessivo, pur attivando GPS alla massima risoluzione e il pairing BT sempre attivo, per cui con un paio di allenamenti giornalieri e la modalità aerea quando si è in riposo si potrebbe stimare una durata della batteria di non meno di 2 giorni pieni prima della successiva ricarica.
    Queste a grandi linee le caratteristiche dell'apparecchio e le prime sensazioni d'uso.

    In prova ho effettuato svariate camminate in montagna e non posso che confermare la estrema precisione nell'inidcazione dell'altitudine e nel tracciamento minuzioso dei percorsi compiuti. In particolare l'orologio non ha mostrato alcun cedimento in alcune passeggiate in montagna con salite e discese fino a 1000 metri e percorso totale di 18km durato oltre 5 ore, impostando il tracciamento GPS alla massima precisione e il Glonass attivo; inoltre la durata della batteria è stata assolutamente convincente, visto che a fine serata l'apparecchio aveva ancora birra da vendere.

    CONCLUSIONI
    Come si scriveva l'impatto iniziale è un po' confusionario, forse per la sovrabbondanza di menu e la loro fruibilità non del tutto intuitiva.
    Ad esempio per arrivare ad un normale allenamento da passeggio mi è stato necessario scorrere una infinità di voci.
    Stesso dicasi per i menu per selezionare o disattivare le connessioni wireless e le modalità di funzionamento GPS, o quelli di consultazione delle attività svolte.
    Anche gli allenamenti paiono al momento troppo "blindati" e ci si aspetta maggiore flessibilità nella loro definizione futura.
    Probabilmente una razionalizzazione ulteriore e l'aggiunta di un menu di scelte rapide più frequenti sarebbero opportuni perché dalle prime prove l'apparecchio risulta di una precisione sorprendente ma lascia francamente perplessi il software che a mio avviso non consente di usufuire pienamente delle potenzialità del prodotto.


    Navigate through the articles
    Recensione Polar M430 Next article
    The comments are owned by the author. We aren't responsible for their content.